Salute e Benessere
Inserto di 7 Corriere della Sera, 1 marzo 2018

Luca Borghi

Gli integratori i migliori alleati per combattere ansia e stress

Fino a pochi anni fa erano utilizzati, quasi esclusivamente, per colmare e compensare alcune carenze nutrizionali.

Oggi, invece, gli integratori sono i principali alleati della salute. Nel senso più ampio del termine: dal mantenimento del benessere quotidiano al contenimento degli effetti del tempo, all’aiuto vero e proprio nei trattamenti per contrastare ed alleviare gli stati ansiosi e favorire così il rilassamento dell’organismo.

Un toccasana per sette italiani su dieci: secondo le statistiche più accreditate, infatti, sempre più persone si rivolgono al medico di base e al farmacista per scoprire gli effetti benefici degli integratori. Soprattutto per cercare una risposta naturale ad affaticamento e stress.

Un connubio che, anche per l’Organizzazione mondiale della sanità, è il preludio di ansia e malessere psicofisico. Stati patologici di cui, a livello globale, soffrono circa 400 milioni di persone. Tutta colpa di disordini, più o meno irrazionali, negli stili di vita.

Ecco allora che gli integratori, grazie alle loro diverse e molteplici proprietà, vanno a ripristinare ciò che la frenesia moderna disgrega. In particolare, a livello cerebrale. Sì perché il cervello è l’organo più esposto allo stress ossidativo e, di conseguenza, non solo invecchia più precocemente ma risente di più degli squilibri fisiologici che derivano da abitudini scorrette e logorio giornaliero.

Se la dieta è infatti uno degli elementi primari in grado di influenzare direttamente lo stato di salute e la qualità dell’invecchiamento, è altrettanto vero che l’aiuto offerto dagli integratori riduce i danni. Non solo sotto il profilo cognitivo – con il miglioramento delle capacità mnemoniche e di apprendimento -, ma anche per quanto riguarda la stabilizzazione del tono dell’umore. Il primo passo per riportare in buon equilibrio perfino il sonno. Insomma, gli integratori – come quelli a base di estratti di biancospino e scutellaria – sono delle risorse. Sostegni offerti dalla natura per ritrovare la capacità di rilassarsi. Con la garanzia della sicurezza.

Gli integratori alimentari in Italia vantano, non a caso, un elevato standard produttivo e un efficiente sistema di assicurazione della qualità che li colloca ai primi posti in Europa.

Senza dimenticare che il nostro Paese è anche una tra le nazioni, tecnologicamente più avanzate, per lo sviluppo di protocolli di green extraction: selettivi, efficienti e a basso impatto ambientale. Se sicurezza e certificazione sono alla base legislativa degli integratori, le loro proprietà influiscono e portano un sano equilibrio nella nostra vita sempre più spesso minata da ansia e stress.

Grazie alle peculiarità antispasmodiche, gli integratori alimentari a base di estratti svolgono così azioni benefiche fondamentali per il trattamento dei disturbi neurovegetativi a carico dell’apparato gastrointestinale e cardiocircolatorio.

Tachicardia, palpitazioni e alterazioni del ritmo cardiaco – in pratica gli effetti più comuni provocati dall’ansia – possono essere alleviati dagli integratori a base di tiglio e biancospino che innescano un processo ipotensivo e calmante.

Condividi: